Homepage di Italica: Italiano   Rai International

Feed RSS

Newsletter

Scrivici

Informazioni

Mappa del sito

Galleria

Ritratti

Loris Cecchini

include_menu

Loris Cecchini

Loris Cecchini ha iniziato la sua attività artistica modellando materie morbide e duttili: plastica, resina, gomma e cellulosa. 
In seguito ha stampato fotografie su minuti e inusuali supporti, come la carta da chewing-gum e, senza rinnegare l'attitudine a modellare la materia, ha affrontato le molteplici ed inesplorate possibilità del computer, continuando la sua ricerca, mettendo in discussione il senso del reale in una prospettiva sospesa tra il naturale e l'artificiale, sia con immagini digitalizzate sia con installazioni realizzate con elementi scultorei. 
L’artista dunque, crea veri e propri set fotografici con oggetti da modellismo che poi fotografa. Le figure umane sono poi sovrapposte attraverso un processo digitale. I risultati sono opere fotografiche di grande formato, dove il progettista predilige un taglio che richiama lo schermo cinematografico o quello "widescreen" dei televisori dell'ultima generazione. L'ultima installazione di Cecchini, appositamente pensata per lo spazio Armani, si intitola "H( )me" e prende in considerazione l'abitare e la dimensione della sosta attraverso la costruzione di cinque pareti atte a misurare lo spazio.
Le pareti sono di gomma, alte poco più di 1 m e spesse 15 cm, delimitano e costruiscono lo spazio di cinque scene, in cui vengono a collocarsi i mobili molli tipici della poetica di Loris Cecchini. Oggetti quotidiani: una sedia, un tavolo, una scala, computer, lampade, cavi, prese multiple e elementi della casa: porte, finestre, subiscono un’inquietante mutazione della loro stabilità. Altra caratteristica dell'opera è la monocromia grigia.
I cinque moduli sono idealmente collegati tra loro da un ritmo monocromo di identità e differenza, creato dalla presenza-assenza degli oggetti.
La novità dell’installazione consiste nella dimensione spaziale del progetto, costituita dalle pareti gommose in cui collocare le sculture molli, come ci conferma lo stesso Loris Cecchini: “la novità è un po’ questa, è la prima volta che uso le pareti per costruire lo spazio”. 

Arte contemporanea,
espone : Loris Cecchini,
fino al 21 aprile 2001
Armani/Manzoni,V: Manzoni 31, Duomo - Porta Venezia, Milano 


logorai.gif (2283 byte)
trasp.gif (837 byte)