Homepage di Italica: Italiano   Rai International

Feed RSS

Newsletter

Scrivici

Informazioni

Mappa del sito

Storia della Lingua Italiana

 

Francesco Bruni

include_menu

Cosmopolitismo

Cosmopolitismo significa ‘essere o sentirsi cittadino del mondo’; Ŕ una parola che deriva dal greco (k˛smos ‘mondo’ + polýtes ‘cittadino’ + il suffisso italiano -ismo). Il concetto appartiene giÓ alla filosofia antica, in particolare alle dottrine del cinismo e dello stoicismo: Diogene Cinico, a uno che gli chiedeva di dove fosse, rispose appunto "cosmopolita", e una risposta analoga era stata attribuita a Socrate da Cicerone nelle Tusculane. Questi detti memorabili ebbero una certa diffusione durante l’umanesimo, ma dal punto di vista filosofico la dottrina fu ripresa solo pi¨ tardi, per esempio da Leibniz.

SarÓ soprattutto l’Illuminismo settecentesco a propugnare, in nome della Ragione e della Legge di Natura, uguale per tutti gli uomini al di lÓ di qualunque differenza contingente, l’instaurazione di un ordine universale capace di garantire la libertÓ e il progresso di ogni uomo nella cosmopolitica fratellanza di tutti.

Tuttavia quando la parola cosmopolite fu accolta, nel 1762, dall’Accademia francese nel suo vocabolario, l’accompagnava una definizione negativa, retaggio di una diversa tradizione di pensiero: "Celui qui n’adopte point de patrie. Un cosmopolite n’est pas un bon citoyen"; solo nell’edizione del 1798, fortemente condizionata dall’ideologia della Rivoluzione, l’atteggiamento divenne favorevole: "Citoyen du monde. Il se dit de celui qui n’adopte pas de patrie. Un cosmopolite regarde l’univers comme sa patrie".

Tanto la parola che il concetto entrarono in Italia dalla Francia, e pertanto, malgrado l’etimologia antica, cosmopolita e cosmopolitismo sono senza dubbio da considerare come francesismi.

trasp.gif (837 byte)
logorai.gif (2283 byte)
trasp.gif (837 byte)