Homepage di Italica: Italiano   Rai International

Feed RSS

Newsletter

Scrivici

Informazioni

Mappa del sito

Corso base di Lingua Italiana

 

Theodore Cachey

include_menu

IL NOME

IL GENERE DEL NOME

I nomi (o sostantivi) italiani possono essere maschili o femminili. Sebbene non ci sia una regola precisa, si può dire che:

sono generalmente maschili

i nomi che si riferiscono a persone o animali di sesso maschile,
i nomi dei mesi e dei giorni (ad eccezione di domenica),
i nomi degli alberi da frutto,
i nomi dei monti, dei mari e dei laghi

sono generalmente femminili

i nomi che si riferiscono a persone o animali di sesso femminile,
i nomi di città, isole e continenti,
i nomi astratti indicanti qualità

In molti casi il genere del nome può essere determinato dalla terminazione della parola:

 a. i nomi che al singolare terminano in -o sono generalmente maschili

il ragazzo (boy), il nonno (grandfather), lo zio (uncle), il libro (book)

 b. i nomi che al singolare terminano in -a sono generalmente femminili

la ragazza (girl), la nonna (grandmother), la zia (aunt), la penna (pen)

 c. i nomi che al singolare terminano in -e sono o maschili o femminili

il cane (dog), la voce (voice), il televisore (tv set), la televisione (television), l'attrice (actress)

Per distinguerli è bene studiarli con il loro articolo ogni volta che si incontrano, ma è utile tener presente che tutti i nomi che terminano in -ore sono maschili, mentre quelli che terminano in -trice e -ione sono femminili.

 eccezioni

approfondimento

IL PLURALE DEI NOMI

Per la maggior parte dei nomi, il plurale si forma cambiando la terminazioni:

 a. tutti i nomi che al singolare terminano in -o o in -e, e i nomi maschili che terminano in a, hanno il plurale in i

il ragazzo = i ragazzi, la mano = le mani, il tema = i temi, la voce = le voci

 b. i nomi femminili che al singolare terminano in -a hanno il plurale in e

la ragazza = le ragazze, la nonna = le nonne, la zia = le zie, la penna = le penne
Ci sono però alcuni casi in cui il nome non cambia al plurale e il numero si distingue solo dall'articolo:  

a. i nomi con l'ultima vocale accentata ( è, à, ù):
il caffè = i caffè, la città = le città, la virtù = le virtù

b. i nomi in -i ed in -ie ( ad eccezione di la moglie= le mogli):
la crisi = le crisi, il brindisi = i brindisi, la serie= le serie

c. i nomi che terminano in consonante (di origine straniera):
l'autobus = gli autobus, il film = i film, lo sport = gli sport 

d. i monosillabi:
il re = i re, la gru = le gru  

e. i cognomi:
il Rossi (Mr. Rossi) = i Rossi (the Rossis)

f. i nomi derivanti da abbreviazione di parole:
l'auto>automobile = le auto, la radio>radiofonia = le radio

eccezioni

approfondimento

logorai.gif (2283 byte)
trasp.gif (837 byte)