Homepage di Italica: Italiano   Rai International

Feed RSS

Newsletter

Scrivici

Informazioni

Mappa del sito

Corso base di Lingua Italiana

 

Theodore Cachey

tabella
Ascoltare
Se hai problemi premi il pulsante Solo testo
Leggere
Se hai problemi premi il pulsante Solo testo
Grammatica
Se hai problemi premi il pulsante Solo testo
Cultura
Se hai problemi premi il pulsante Solo testo
Lessico
Se hai problemi premi il pulsante Solo testo

LA FAMIGLIA

dal film
di Ettore Scola

Questo è il giorno del mio battesimo, festeggiato nella casa del nuovo quartiere Prati, appena acquistata a riscatto da mio nonno: tra vent'anni sarà nostra. Nel gruppo in posa per la fotografia di rito, mio nonno è quello seduto in poltrona e io sono quello infilato nel porte-enfant. Mi tiene precariamente fra le braccia la piccola Adelina, nipote della nostra domestica Nunzia che si intravede nel fondo, sulla destra.

-Fermi, fermi!

Questa signora con gli occhi celesti è mia madre. Prima di sposarsi studiava canto e così la sera non mi fa addormentare con le solite ninna-nanne, ma con le romanze e con le arie delle opere liriche.

Zia Mellina, zia Margherita e zia Luisa sono sorelle di mio padre, tutte e tre nubili; e questo è il dottor Giordani, nostro medico di famiglia, scapolo.

Mio nonno. Professore di lettere all'Università di Roma. Rigoroso poeta dilettante. Fiero detrattore del Carducci, del quale ama ripetere: "Il leone repubblicano è diventato il barboncino della Regina".

- Cosa diventerai? Un genio o un imbecille?

< Quante storie! Diventerà un figlio di Dio.

- Eh, come carriera, un po' modesta.

- Mamma ...

< Ma ti fanno male, ti verrà il mal di pancia, la febbre, il tifo...

Il ragazzo al quale la nonna sta elencando tutti i malanni da eccesso di cibo è lo zio Nicolino, fratello di mia madre, che vive a Macerata ed è in visita per l'occasione.

Il bambino che Adelina tenta di imboccare è mio cugino Enrico, anche lui venuto a festeggiarmi. Però vive a Roma, è figlio dello zio Michele e della zia Ersilia, chiamata dalle mie tre zie, chissà perché, i Fratelli Cairoli.

Per visualizzare il filmato occorre Realplayer.
Puoi trovarlo nella sezione "Download".

 
logorai.gif (2283 byte)