Arte
La Divina Commedia illustrata da Botticelli
Segnala la pagina

Le 100 pergamene con i disegni danteschi eseguiti da Botticelli alla fine del '400 furono commissionate da Lorenzo di Pierfrancesco de' Medici detto il Popolano (cugino di secondo grado di Lorenzo il Magnifico), amico e mecenate di Sandro Botticelli. Per lo stesso Pierfrancesco, il maestro dipinge le sue opere pi celebri: "La Nascita di Venere" e "La Primavera" (Uffizi, Firenze).
L'opera dantesca di Botticelli, realizzata in un'arco temporale che va dal 1480 al 1495, da secoli smembrata in due gruppi. Il primo, con il maggior numero di pergamente (85) conservato nel nuovo Kupferstichkabinett del Kulturforum, in seguito alla riunificazione dei Musei statali di Berlino; il secondo con sette pergamene racchiuso nella Biblioteca Apostolica Vaticana, proveniente dalla collezione della regina Cristina di Svezia.
Mancano all'appello, per completare il corpus relativo alle 100 cantiche della Commedia, otto tavole dell'Inferno considerate disperse (II-VII, XI, XIV), mentre quelle relative ai due canti del Paradiso (XXXI e XXXIII) si ipotizza che non furono eseguite.
Comprese nel corpus delle 92 tavole ci sono "La voragine infernale" e "Inferno I" disegnate rispettivamente sul recto e sul verso di uno stesso foglio, e "Il grande Satana" che occupa un foglio doppio. A queste si aggiunge la pergamena del canto XXXI del Paradiso, senza illustrazione.
I fogli, di fine pergamena di pecora, misurano circa 325 mm di altezza per 475 mm di larghezza, e solo il "Grande Satana" di 468x635 mm.
Ad eccezione de "La voragine infernale", le illustrazioni si trovano sul lato interno liscio (quello della carne) mentre il testo sul lato esterno poroso, detto il fiore. Per l'esecuzione dell'immensa opera, Botticelli utilizza diversi strumenti: per le linee fondamentali della composizione si aiuta con "stili metallici", anche d'argento, mentre per precisare i contorni usa la "penna" e inchiostri che danno quel colorito talvolta giallo chiaro, oppure oro o nero.
L'opera, in ogni caso, si presenta in diversi stadi di finitura. Solo alcuni disegni sono giunti fino a noi completi e interamente o parzialmente colorati. L'unico completo "La voragine infernale" che apre la serie pregettata da Sandro di Mariano di Filipepi. Qui l'artista ha realizzato una suggestiva rappresentazione globale dell'Inferno dantesco: un grande imbuto, ricco di particolari architettonici e figure miniaturizzate, che costituisce una summa, sintetica ma completa, delle scene dipinte nei disegni successivi.
L'intera opera, oggi montata su fogli separati, rappresenta un continuum narrativo, una sorta di modernissima sequenza cinematografica che racconta il viaggio letterario e filosofico di Dante.