La Canzone d'Autore Italiana
Renato Carosone
Maruzzella
Segnala la pagina
Testo di Enzo Bonagura
Musica di Renato Carosone 

Maruzzella Maruzzè
Ohè! Chi sente?
E chi 'mo canta appriesso a me?
Ohè, pe' tramente
s'affaccia 'a luna pe vedè!
Pe' tutta sta marina
'a Procida a Resina
se dice: guarda llà
'na femmena che fa!
Ritornello:
Maruzzella Maruzzè,
t'e miso dint'a lluocchie
'o mare e m'e miso
'npietto a me 'nu dispiacere.
'Stu core me fai sbattere
cchiu forte 'e ll'onne
quanno 'o cielo è scuro:
primma me dice si,
po' doce doce me fai muri.
Maruzzella Maruzzè
Ohè! Chi m'aiuta?
Si tu nun viene a m'aiutà?
Ohè, m'è venuta 'na voglia
ardente 'e te vasà.
E vienetenne oj bella
e damme sta vucchella
ca pe' m'avvelenà 'e zucchero
se fa!

Scritta nel 1955, in collaborazione con Enzo Bonagura, "Maruzzella" è una canzone d'amore intensa e struggente. Il titolo, vezzeggiativo di Marisa, ha diversi significati in napoletano, da "chiocciolina", cioè piccola lumaca, a piccola ciocca di capelli arricciata, a treccia, ma per Renato Carosone Maruzzella è sua moglie Marisa e pare che il musicista abbia scritto la canzone in cinque minuti pensando a lei. Il brano, interpretato da un gran numero d'artisti, è un classico del repertorio napoletano. La canzone ha avuto anche una notevole fortuna in campo cinematografico, dal musicarello di Luigi Capuano del 1956 con Marisa Allasio, Massimo Serato e Renato Carosone, alla straziante interpretazione di Anna Magnani nel film "Nella città l'inferno" di Renato Castellani del 1959, all'inclusione nella colonna sonora di "Mean Streets" di Martin Scorsese del 1973.
Pubblicità
Pubblicità