La Canzone d'Autore Italiana
Renato Carosone
Torero
Segnala la pagina
Testo di Nisa
Musica di Renato Carosone

Tu pierde 'o tiemp 'ncopp' 'e giurnalette
e màmmete minaccia
e pàtete s'arraggia.
Te fanno girà 'a capa sti "fumette",
guardonnete 'int' 'o specchio
vuoi fare il toreador
comme fanno a Santafè
come fanno ad "Ollivud"
e cu' sta scusa, ai nì, nun studie cchiù!...
Oh!  Torero!
Te si' piazzato 'ncapo stu sombrero,
dice che si' spagnuolo e nun è o' vero,
che nacchere 'int' 'a sacca vai a ballà
mescolando bolero e "cià-cià"... chi vuò 'mbroglià!...
Torero!...
Cu' sti basette a' sud americano,
cu' 'nu sicario avana e 'a cammesella 'e picchè!...
Torero!...
Torero!...
Olè!...
Te fatto 'a giacchettella corta, corta,
'o cazunciello astritto
e 'o ricciulillo 'nfronte.
Te ride 'a gente areto e nun te 'mporta,
ti senti un Marlon Brando
che a spasso se ne va
per le vie di Santafè,
per le strade di "Ollivud"
e 'a 'nnammurata toia nun te vò cchiù!...
Oh! Torero!...
E levatillo 'a capo stu sombrero,
nun si' spagnuolo e nun su' caballero...
Sti nacchere tu nun 'e saie sunà
e sti nacchere tu che ne 'a fa?... Belle 'e mammà!...
Torero!
Cu' sti basette a' sud americano,
cu' 'nu sicario avana e 'a cammesella 'e picchè!...
Torero!...
Torero!...
Olè!...

Scritta nel 1957, in collaborazione con Nisa, "Torero" aggiunge la figura dello spagnolo alle caricature di Carosone: un matador ispano - napoletano, s'intende. L'idea della Spagna e dei campioni dell'arena era di moda all'epoca, per il chiacchierato matrimonio tra Lucia Bosé e il torero Luis Miguel Dominguin, e proprio in Spagna doveva andare in tournée il musicista quando ebbe l'ispirazione per il pezzo. Con il solito sistema di scambio di battute Nisa e Carosone crearono uno dei personaggi più comici del loro repertorio: "Uè torero!" - esclamò Renato - "te si piazzato 'ncapo stu sombrero" - rispose Nicola e le strofe vennero con la solita facilità. L'accoglienza del brano in Spagna fu calorosa, perché, non capendo bene la lingua, gli spagnoli non colsero lo spirito parodistico e lo scambiarono per un inno al Torero. In Italia ed in America la canzone raggiunse i primi posti nelle hit parade, e rimase per più di tre mesi in testa alle classifiche dei dischi più venduti. Tra chitarre, nacchere, flamenco e italianissimi "Olé" il brano ha girato il mondo, inciso in più di trenta versioni e tradotto in tutte le lingue.
Pubblicità
Pubblicità