La Canzone d'Autore Italiana
Enzo Jannacci
L'Armando
Segnala la pagina
(1964 - Fo, Jannacci)

Tatta tira tira tira tatta tera tera ta
Era quasi verso sera
se ero dietro, stavo andando
che si è aperta la portiera è caduto giù l'Armando.
Commissario, sa l'Armando era proprio il mio gemello,
però ci volevo bene come fosse mio fratello.
Stessa strada, stessa osteria,
stessa donna, una sola, la mia.
Macché delitto di gelosia,
io c'ho l'alibi a quell'ora sono sempre all'osteria.
Era quasi verso sera, se ero dietro stavo andando
che si è aperta la portiera è caduto giù l'Armando.
Tira ta tira...
Commissario, sa l'Armando mi picchiava col martello,
mi picchiava qui sugli occhi per sembrare lui il più bello.
Per far ridere gli amici, mi buttava giù dal ponte
ma per non bagnarmi tutto
mi buttava dov'è asciutto.
Ma che dice, che l'han trovato
senza scarpe, denudato, già sbarbato?
Ma che dice, che gli han trovato
un coltello con la lama di sei dita nel costato?
Commissario, 'sto coltello non lo nego, è roba mia,
ma ci ho l'alibi a quell'ora sono sempre all'osteria.
Tira ta tira...
Era quasi verso sera
se ero dietro, stavo andando
che si è aperta la portiera
ho cacciato giù... pardon... è caduto giù l'Armando.
Tira ta tira....

Originariamente pensata per il palcoscenico, visto che doveva far parte dello spettacolo "22 canzoni" diretto da Dario Fo, "L'Armando" - dopo essere apparsa su 45 giri - finirà per confluire nell'album "Enzo Jannacci in teatro", che contiene altri capi d'opera quali "Veronica" e "Sfiorisci bel fiore". Anche qui si racconta come d'uso di gente umile, nei toni di una tragicomica disperazione, per l'occasione secondo moduli di manifesta derivazione cabarettistica. Concepita come una deposizione al commissariato, la canzone narra di un incidente che solo alla fine, per un lapsus dell'interrogato, si rivelerà un omicidio: il protagonista, vessato in ogni modo dall'Armando del titolo, finirà per cacciarlo giù da una macchina in corsa. Accattivante, bizzarra, ai limiti del surreale, "L'Armando" è tra le cose più amate dell'autore che, nel corso degli anni, la riproporrà sovente dal vivo.
Pubblicità
Pubblicità