Biografie
Biografia di Riccardo Cocciante
(1946)
Segnala la pagina
Riccardo Cocciante
Nato da padre italiano e da madre francese (non a caso, in Francia adopera per i suoi dischi il nome Richard), sovente presente ai raduni pop, esordisce con un album, Mu (1972), ove convivono rock progressivo e religione. Ma è soltanto con i lavori seguenti, Poesia (1973) ed Anima (1974), che inizia a delinearsi il suo personale approccio alla canzone: la voce roca accarezza le corde d'un sofferto intimismo (Poesia) o viceversa esplode in un grido rabbioso, incontenibile, come nelle celebri Bella senz'anima e Quando finisce un amore. Se L'alba (1975) staziona un po' fra manierismo e ritualità, è con Concerto per Margherita (1976) che Cocciante assurge al rango di superstar: arrangiato da Vangelis, il disco contiene brani assai riusciti (Primavera, Quando si vuole bene), a cominciare da quella Margherita - firmata in coppia con Marco Luberti - che è indubitabilmente tra le più belle canzoni d'amore nostrane d'ogni tempo. Artista ormai affermato anche in Europa ed America Latina, con Riccardo Cocciante (1977) e ...e io canto (1979) prosegue senza indugi sulla fortunata via degli album precedenti: nel '77, a conferma della stima di cui egli gode come autore, Mina e Mia Martini incidono la sua "a capo. Una svolta la segna Cervo a primavera (1981), che può giovarsi dell'apporto di Mogol - reduce dalla fine della collaborazione con Battisti - ai testi: i risultati sono di prim' ordine, come dimostrano il pezzo che dà il titolo all'album e Il mio amico carissimo, entrambi destinati a divenire suoi cavalli di battaglia. La presenza di Mogol ha benefici effetti pure sul successivo Cocciante (1982), ricco di futuri classici quali Un buco nel cuore, Un nuovo amico, In bicicletta e Celeste nostalgia. Passato dalla Rca alla Virgin, Cocciante tenta il salto verso i lidi del pop internazionale: i risultati sono diseguali, l'unico brano ad emergere davvero è Questione di feeling (dall'album Il mare dei papaveri, 1985), eseguito in duetto con Mina. Ritiratosi con la moglie Catherine Boutet negli Stati Uniti, il cantante torna in Italia solo per partecipare al Festival di Sanremo del 1991, che vince con Se stiamo insieme. Il resto è storia recente: il successo ottenuto con le musiche di Notre Dame du Paris, l'opera ispirata a Victor Hugo che, dopo il debutto parigino del 1998, viene presentata in tutto il mondo e fa vendere milioni di dischi, lo consacra artista di fama internazionale. Nel 2006, Sony-Bmg pubblica Tutti i miei sogni, un cofanetto con tre cd che riunisce i suoi hits: si va da Ora che io sono luce e Uomo (da Mu) sino alle recenti Tu Italia e Sulle labbra e nel pensiero (da Songs, 2005).Alla fine del 2002 produce in Francia Le petit prince - sua seconda opera popolare - seguita nel 2005 da Giulietta & Romeo, presentata in anteprima al Colosseo e in tournée mondiale dal giugno 2007.Francesco Troiano