Dante
Dante
Cino da Pistoia - Veduto han gli occhi miei sì bella cosa
I- XXXVII
Segnala la pagina

I
Veduto han gli occhi miei sì bella cosa,
che dentro dal mio cor dipinta l'hanno,
e se per veder lei tuttor no stanno,
infin che non la trovan non han posa,
e fatt'han l'alma mia sì amorosa,
che tutto corro in amoroso affanno,
e quando col suo sguardo scontro fanno,
toccan lo cor che sovra 'l ciel gir osa.
Fanno li occhi a lo mio core scorta,
fermandol ne la fé d'amor più forte,
quando risguardan lo su' novo viso;
e tanto passa in su' desiar fiso,
che 'l dolce imaginar li daria morte,
sed e' non fosse Amor che lo conforta.

II
Tutto mi salva il dolce salutare
che vèn da quella ch'è somma salute,
in cui le grazie son tutte compiute:
con lei va Amor che con lei nato pare.
E fa rinovellar la terra e l'âre,
e rallegrar lo ciel la sua vertute;
giammai non fuor tai novità vedute
quali ci face Dio per lei mostrare.
Quando va fuor adorna, par che 'l mondo
sia tutto pien di spiriti d'amore,
sì ch'ogni gentil cor deven giocondo.
E lo villan domanda: "Ove m'ascondo?";
per tema di morir vòl fuggir fòre;
ch'abbassi li occhi l'omo allor, rispondo.

III
Una gentil piacevol giovanella
adorna vèn d'angelica vertute,
in compagnia di sì dolce salute,
che qual la sente poi d'amor favella.
Ella m'aparve agli occhi tanto bella,
che per entr'un penser al cor venute
son parolette, che dal cor vedut'è
abbia 'n vertù d'esta gioia novella;
la quale ha presa sì la mente nostra
e l'ha coverta di sì dolce amore,
ch'ella non può pensar se non di lei:
"Vedi com'è soave il su' valore!
ch'agli occhi nostri apertamente mostra
come tu dèi aver gran gioi da lei".

IV
Vedete, donne, bella creatura
che sta tra voi maravigliosamente!
Vedeste mai così nova figura
o così savia giovane piacente?
Ella per certo l'umana natura
e tutte voi adorna similmente;
ponete a li atti suoi piacenti cura
che fan maravigliar tutta la gente.
Quanto si puote, a prova l'onorate,
donne gentil', ché tutte voi onora,
di cui per ciascun loco si novella.
Or si parrà chi ha 'n sé nobilitate,
ch'io veggio Amor visibil che l'adora
e falle reverenza, sì li abella!

V
S'io mi ripùto di niente alquanto,
i' ne ringrazio Amor che, sua mercede,
facendo cortesia m'onora tanto
che dentro dal mio core alberga e sede.
E se biasimo no è verace vanto,
io dico che per grazia mi concede
ch'io tragga del mio cor ciò ched io canto;
ond'io son presto morir per sua fede.
Ancor m'ha fatto Amor più ricco dono,
ch'a tal donna m'ha dato in potestate,
che vede 'l sole, là dov'ella appare,
cosa che 'l vince di sua chiaritate;
ond'io, perché sta in ogne terra il suono
del pregio suo, non fino di cantare.

VI
Sì è 'ncarnato Amor del suo piacere,
m'ha preso in ciascun membro fòr misura,
che tutto è convertito già in natura,
sì che di contrastar non ho podere.
S'Amor medesmo n'avesse volere,
non disfarebbe in cor la sua pintura,
però che 'l fin amor non è figura
da poter mai disfarsi o disparere.
Dunque chi mi diparte d'amar lei?
Dio il potrebbe far, non altra cosa;
ch'io facci ciò, tant'è dir come: "Muori".
Ed ancor fusse del mio corpo fuori,
l'anima mia dimorria amorosa,
nel mondo stando li spiriti miei.

VII
Sta nel piacer de la mia donna Amore
come nel sol lo raggio e in ciel la stella,
che nel mover de li occhi 'l porge al core,
sì ch'ogni spirito smarrisce in quella.
Soffrir non posson li occhi lo splendore,
né 'l cor pò stare in loco, sì li abella!
Isbatte forte, tal sente dolzore;
quivi si prova chi di lei favella.
Ridendo par ch'allegri tutto 'l loco,
per via passando angelico diporto,
nobil ne li atti ed umil ne' sembianti;
tutt'amorosa di sollazzo e gioco,
è saggia nel parlar, vita e conforto,
gioia e diletto a chi le sta davanti.

VIII

Come non è con voi a questa festa,
donne gentili, lo bel viso adorno?
perché non fu da voi staman richesta
che venisse a onorare questo giorno?
Vedete che ogn'om si mette 'n chesta
per veder lei girandosi d'intorno;
e guardan quale have adorna vesta;
po' miran me che sospirar no storno.
Oggi aspettava veder la mia gioia
istar tra voi, e veder lo cor meo
che a lei come a sua vita s'appoia.
Eo vi prego, donne, sol per Deo;
se non volete ch'io di ciò mi moia,
fate sì che stasera la vegg'eo.

IX
Or dov'è, donne, quella in cui s'avista
tanto piacer ch'oltra vo fa piacenti?
Poiché non c'è, non ci corron le genti,
ché reverenza a tutte voi acquista.
Amor di ciò ne lo meo cor attrista,
che rafrena per lei li maldicenti;
ecco in me crescon sospiri dolenti,
sì ch'io morrò sol d'amorosa sista.
Chiesi per Deo e per pietà di meve
che con voi no la menaste stasera,
ch'allegrezz'a vederla ogn'om riceve;
ma non curaste né Dio né preghiera.
Di ciò mi doglio, ed ogn'om doler deve,
che la festa è turbata 'n tal manera.

X
Guardando a voi, in parlare e 'n sembianti
angelica figura mi parete,
ché sopra ciascun mortal cor tenete
compimenti di ben non so dir quanti.
Credo ch'a prova ogni vertù v'amanti,
che di bellezze tal miracol siete;
negli atti sì gentil piacere avete
che 'nnamoran ciascun che vi sta avanti.
Li occhi a tal maestria par che vi mova
l'Amor ch'è figurato in vostra cera,
che pur conven che feran per dolcezza
lo cor di quei c'ha tanta sicurezza
che sta a rischio se campi o se pèra
per voi veder, sì come Amor lo trova.

XI

Tutte le pene ch'io sento d'Amore
mi son conforto acciò ch'io non ne moia,
pensando che m'ha fatto servidore
della mia gentil donna, e non l'è noia.
Quella, che porta pregio di valore,
più che non fece d'arme Ettor di Troia,
è di tutt'avenantezza e bellore:
fra tutte l'altre donne al mondo è gioia.
Deh, chi poria sentir d'amor mai doglia,
avendo in tanta altura il su' cor miso,
ed ancor più, che so ch'è ben sua voglia?
Ché la beltate sol de lo suo viso
tant'allegrezza par ch'al cor m'accoglia,
ch'io non credo più gio' sia in Paradiso.

XII
Donna, il beato punto ch'e' m'avenne
al vostro bel rimiro,
con l'aer del sospiro
l'anima mia 'n sul passar ritenne.
Da quel lucente raggio che battìo
da' be' vostr'occhi a' miei,
l'anima mia di subito ferita
si partiva dal cor che mi cadìo,
cui non rimase vita
né lena tanta che dicesse omei;
se non che l'aer del sospir compresa,
che di dolcezza nacque,
la tenne, come piacque
al mio signore Amor, per cui m'avenne.

XIII

Deh, piacciavi donare al mio cor vita,
che si muor sospirando;
ch'è inaverato sì che poco stando
sarà la sua finita;
né non aggiate a sdegno, se sua vita
vostra mercé dimando,
donna mia, ché Amor, voi riguardando,
li diede esta ferita.
Fere così Amore
e giammai poscia non soccorre altrui,
anzi cresce il dolore;
muor se nol campa pui
la donna da cui ebbe lo valore:
però ne prego vui.

XIV
Io prego, donna mia,
lo cor gentile ch'è nel vostro core,
che da morte d'amore
mi campi, stando in vostra signoria:
e per sua cortesia,
lo può ben fare senza uscir di fore;
ché non disdice onore
sembiante alcun che di pietate sia.
Io mi starò, gentil donna, di poco
lungamente in gioia,
non sì che tuttavia non arda in foco;
ma standomi così, pur ch'io non moia,
verrò di rado in loco
che de lo mio veder vi faccia noia.


XV
Poi che saziar non posso li occhi miei
di guardare a madonna suo bel viso,
mireròl tanto fiso,
che diverrò beato lei guardando.
A guisa d'angel che di sua natura,
stando su in altura,
diven beato sol vedendo Dio,
così, essendo umana creatura,
guardando la figura
di quella donna che tene 'l cor mio,
porria beato divenir qui io:
tant'è la sua vertù che spande e porge,
avegna non la scorge
se non chi lei onora desiando.

XVI
Una ricca rocca e forte manto
volesse Dio che monte ricco avesse,
che di gente nemica non temesse,
avendo un'alta torre ad ogni canto;
e fosse d'ogni ben compita, quanto
core pensare e lingua dir potesse,
e quine poi lo dio d'amore stesse
con li amorosi cori in gioia e canto.
E poi vorrei che nel mezzo surgesse
un'acqua vertudiosa d'amor tanto,
che lor bagnando dolce vita desse;
e perché più fedele 'l meo cor vanto,
vorrei che 'l gonfalon fra quei tenesse
che portan di soffrir pietoso manto.

XVII
Poscia ch'io vidi gli occhi di costei,
non ebbe altro intelletto che d'amore
l'anima mia, la qual prese del core
lo spirito gentil, che parla in lei,
e consolando le dice: "Tu déi
essere allegra, poi ti faccio onore,
ch'io ti ragiono de lo suo valore",
onde son dolci li sospiri miei;
perché in dolcezza d'esto ragionare
si muovono da quella ch'allor mira
questa donna gentil che 'l fa parlare;
e vedesi da lei signoreggiare,
ch'è sì valente, ch'altro non desira
ch'a la sua signoria soggetta stare.

XVIII
Se Mercé non m'aiuta, il cor si more,
e l'anima trarrà guai dolorosi,
e li sospiri usciran for dogliosi
de la mia mente adorna di dolore.
Poi che sentîr li mie' spiriti amore,
di lei chiamar son stati vergognosi;
or che si senton di doglia angosciosi
cheron piangendo il su' dolce valore.
Io dico in verità che, se mercede
non m'aiuta lo cor, che l'alma trista
girà traendo dolorosi guai.
Ell'è una vertù che la conquista
ogn'om quando di cor gentil procede;
com'io aspetto che mi vegna omai!

XIX
Poi ched e' t'è piaciuto ched i' sia,
Amor, sotto la tua gran potestate,
piacciati omai ch'io trovi pietate
nel cor gentil, che c'è la vita mia;
ch'i' mi veggio menar già per tal via
ch'i' temo di trovar crudelitate;
ma sofferendo, amico d'umiltate,
ispero ciò che la mente disia,
mercé chiamando sempre ne' sospiri,
ch'escon di fòr, quando l'alma si vede
a li occhi suoi celare 'l lor signore.
Quest'è lo spiritel, da cui procede
ogni gentil virtù e gran valore,
che fa a lo mio cor provar martiri.

XX
Moviti, Pietate, e va incarnata,
e de la veste tua mena vestiti
questi miei messi, che paian nodriti
e pien' de la vertù che Dio t'ha data;
e 'nnanzi che cominci tua giornata,
s'a l'Amor piace, fa che tu inviti
e chiami li miei spiriti smarriti,
per li qual' fia la lor chesta provata.
E se tu troverai donne gentili,
ivi girai, ché là ti vo' mandare,
e dono d'audienza da lor chiedi.
Poi dì a costor: "Gittatevi a' lor piedi,
e dite chi vi manda e per che affare".
Udite, donne, esti valletti umìli.

XXI
Omo, lo cui nome per effetto
importa povertà di gioi d'amore
e riccor di tristizia e di dolore,
ci manda a voi, come Pietà v'ha detto;
lo qual venuto nel vostro cospetto
sarebbe volentier, s'avesse 'l core,
ma minacciaval di viltà tremore,
perché l'ingombra angoscia l'intelletto.
Se voi vedeste presso la sua vista,
farebbevi nel cor tutte plorare,
tant'è in lui visibil la pietate.
Or madri di mercé, donne, li siate;
ché per la spene c'ha per voi campare
di vita, pasce l'anima sua trista.


XXII
Deh, ascoltate come 'l mio sospiro
piangendo va da madonna e da Amore,
che per lor dui la vita mia si more.
Amor ch'è piena cosa di paura
mi fa geloso stare;
onde madonna sdegna,
e sdegnando mi cela sua figura,
e perdo lo mirare,
che la mia vita spegna.
Cotal Amor per sua natura regna,
e sdegno in gentil donna vien di fòre,
sì che ver' di Pietà ell'ha valore.

XXIII
Amor, la dolce vista di Pietate,
ch'è sconsolata in gran disio, sovente
meco si vene a doler ne la mente.
Del mio tormento e de l'atto sdegnoso
di quella bella donna cui son servo,
è nato in questa vertute 'l disio
d'ornare 'l suo bell'aspetto vezzoso,
lo quale adoro più che Dio e servo:
ella non degna, dolce signor mio.
Deh, spandi in lei la tua vertù, sì ch'io
con Pietà veggia tua stella lucente;
e spegna l'atto che mi fa dolente.

XXIV
Madonna, la pietate
che v'addimandan tutti i miei sospiri,
è sol che vi degnate ch'io vi miri.
Io temo sì il disdegno
che voi mostrate 'ncontra 'l mirar mio,
ch'a veder non vi vegno;
e morronne, sì grande n'ho 'l desio!
Dunque mercé, per Dio!
Di veder sol, ch'appaga i miei desiri,
la vostra grand'altezza non s'adiri.

XXV
Disio pur di vederla, e s'eo m'appresso,
[i]sbigottito conve[r]rà ch'eo incespi:
così mi fere la sua luce adesso,
e 'l bel color de' biondi capei crespi:
e ciò ch'eo celo converrà che s'espî
per lo sospiro che del core ho messo,
dolente lasso, ché sì come vespi
mi pungon li sospir' cotanto spesso.
Giròlli pur dinanti, e s'eo vi caggio
a lo splendor di sua nova beltate,
forse che m'aiterà levar Pietate;
ché 'n segno di merzede e d'umiltate
odo si muove lo gentil coraggio.
Dunque per sua fidanza moveraggio.

XXVI
A vano sguardo e a falsi sembianti
celo colei che ne la mente ho pinta,
e covro lo desio di tale infinta,
ch'altri non sa di qual donna eo mi canti.
E spesse volte li anderia dinanti:
lasso per li occhi, ond'è la vertù vinta
sì, che direbber: "Questi ha l'alma tinta
del piacer di costei", li mal parlanti.
Amor celato fa sì come 'l foco,
lo qual procede senza alcun riparo,
arde e consuma ciò che trova in loco,
e non si pò sentir se non amaro.
Ond'eo so ben che 'l mi' viver si è poco;
ma più che 'l viver m'è lo morir caro.

XXVII
Non credo che 'n madonna sia venuto
alcun pensero di pietate, pui
ch'ella s'accorse ch'i' avea veduto
Amor gentil dentro da li occhi sui;
però vo come quei ch'è ismarruto,
che domanda mercede e non sa a cui;
e porto ne li occhi un cor feruto
che quasi morto si dimostra altrui.
I' non ne spero mai se non pesanza;
ch'ell'ha preso disdegno e ira forte
di tutto quel ch'aver dovria pietanza;
ond'io me ne darei tosto la morte,
se non ch'Amor, quand'i' vo 'n disperanza,
te mi dimostra simile in sua corte.

XXVIII
La udienza degli orecchi miei
m'have sì piena di dolor la mente,
ch'è tristo lo cor meo, che sì si sente
involto di pensier crudeli e rei!
Però che mi fu detto da colei,
per cui sperava viver dolcemente,
cose che sì m'angoscian duramente,
che per men pena la morte cherrei.
E sarebbemi assai meno angosciosa
la morte che la vita ch'i' attendo,
poi ch'ell'è piena di tanta tristizia;
ché là ond'io sperava aver letizia,
m'è sorbondata pena dolorosa,
che mi distrugge e consuma languendo.

XXIX
Oimè lasso, or sonv'io tanto a noia,
che mi sdegnate sì come inimico,
sol perch'i' v'amo ed in ciò m'affatico,
né posso disamar voi bella gioia?
Morrò da che vi piace pur ch'i' moia,
ché la speranza per cui mi notrico
mi torna in disperanza oltra ch'i' dico,
così spietà contro pietanza poia!
Di tutto ciò che mi pasceva 'n pace
e davami l'Amor dolce conforto,
mi torna or guerra, se viver mi face.
Ma pur conven ched i' per vo' sia morto,
ch'ancider mi dovess'io, sì mi piace
per voi morire, ancor che sia gran torto!

XXX
La vostra disdegnosa gentilezza,
che pone in sé ogni nobil calere,
non mi può far dolere,
madonna, avegna che contro me sia;
però ch'a me non puote esser gravezza
quel che si move dal vostro volere,
anzi m'è di piacere,
sì come 'l fa, più che la vita mia.
Or, donna, se la vostra signoria
piace avere in disdegno il meo servire,
saver dovete che lo meo disire
non invér dêsi disdegnare a vui;
ma s'io potesse, ben vi pregheria
che 'l meo servir voleste ad altra cosa,
madonna, sol però che faticosa
m'è troppo questa, a far creder altrui.

XXXI
Chi a falsi sembianti il cor arisca,
credendo esser amato, e s'in[n]amora,
tanto diletto non sente in quel[l]'ora,
ch'apresso più di pena non lang[u]isca,
quando per lume di vertà chiarisca
ch'el no[n] è dentro quel che par di fòra;
e se di ciò seguir più si rancora,
co[n]ven che finalmente ne perisca.
Onde non chiamo già donna, ma morte,
quella ch'altrui per servitor accoglie
e poi gab[b]ando e sdegnando l'uccide,
a poco a poco la vita gli toglie,
e quanto più tormenta più ne ride:
caduta vegg'eo lei in simil sorte.

XXXII
Tu che sei voce che lo cor conforte,
e gridi in parte ove non pote stare
l'anima nostra cui parole porte,
non odi tu il segnore in lei parlare
e dir che pur conven che mi dia morte
questo novello spirito ch'appare
d'una gentil vertù e ch'è sì forte
che qual e' fere non ne può scampare?
Tu piangerai con lei, s'ascolti bene,
ch'esce per forza di molti martiri
d'esto suo loco che sì spesso more;
e fòr per gli occhi miei piena ne vene
de le lagrime ch'escon de' sospiri,
ch'abondan tanto quanto fa 'l dolore.

XXXIII
O lasso, ch'io credea trovar pietate,
quando si fosse questa donna accorta
de la gran pena che lo meo cor porta,
che i' trovo disdegno e crudeltate
e ira forte in loco d'umiltate,
sì ch'io mi cuso già persona morta;
ch'i' veggio che mi sfida e mi sconforta
ciò che dar mi dovrebbe sicurtate.
Però parla un penser, che mi rampogna
com'io più vivo, no sperando mai
che tra lei e Pietà pace si pogna.
Dunque morir pur convienmi omai,
e posso dir che mal vidi Bologna
e questa bella donna ch'i' sguardai.

XXXIV
Angel di Deo simiglia in ciascun atto
questa giovane bella,
che m'ha con gli occhi suoi lo cor disfatto.
Di cotanta vertù si vede adorna,
che qual la vuol mirare,
sospirando convene il cor lassare.
Ogni parola sua sì dolce pare,
che là 've posa torna
lo spirito, che meco non soggiorna,
però che forza di sospir' lo storna,
sì angoscioso è fatto
quel loco, de lo qual Amor l'ha tratto.
Io non m'accorsi, quand'io la mirai,
che mi fece Amore
l'asalto agli occhi, e al corpo e al core,
sì forte, che 'n quel punto tratta fòre
dell'anima trovai
la mia vertù, che per forza lassai;
per che, campar non aspettando omai,
di ciò più non combatto:
Dio mandi 'l punto di finir pur ratto.
Ballata, chi del tuo fattor dimanda,
dilli che tu 'l lassasti
piangendo quando tu t'acommiatasti;
e vederlo morir non aspettasti,
però ch'elli ti manda
tosto, perché lo suo stato si spanda.
A ciascun gentil cor ti raccomanda,
ch'i' per me non acatto
come più viver possa a nessun patto.

XXXV
Bene è forte cosa il dolce sguardo
che fa criar di bel piacere amore,
e va sì chiuso per ferir lo core,
che non ne puote l'uomo aver riguardo.
Però lo chiamo lo 'nvisibil dardo,
ch'entra per li occhi e non si par di fòre;
mort'è del core e de l'alma dolore,
ché, poi ch'è giunto, ogni soccorso è tardo.
Formasi dentro in forma ed in sembianza
di quella donna per la qual ei pone
lo spirito d'amore in soverchianza.
E non può stare in mezzo per ragione
(che d'ogni piacer tragge egual possanza)
da poi ch'è giunto ed ha perfezione.

XXXVI
Sì m'hai di forza e di valor distrutto,
che più non tardo, Amor, ecco ch'i' moio;
e levo parte (lasso! a cui m'appoio?)
del mio gravoso affanno questo frutto.
Come lusingator tu m'hai condutto,
ed or mi fai come villano e croio,
e non so la cagion per ch'io t'annoio,
vogliendoti piacer sempre del tutto.
Perché vuo' tu, Amor, che così forte
sia lo mio stato sol più di pesanza?
forse però ch'io senta dolce Morte?
O me dolente; che cotal pietanza
non pensava trovar nella tua corte,
che tal v'ha gioia, che v'ha men leanza.

XXXVII
Amore è uno spirito ch'ancide,
che nasce di piacere e vèn per sguardo,
e fere 'l cor sì come face un dardo,
che l'altre membra distrugge e conquide;
da le qua' vita e valor divide
non avendo di pietà riguardo,
sì com' mi dice la mente ov'io ardo
e l'anima smarrita che lo vide,
quando s'assicurâr li occhi miei tanto,
che sguardaro una donna ch'i' scontrai,
che mi ferìo 'l core in ogni canto.
Or foss'io morto quando la mirai!
ch'io non èi poi se non dolore e pianto,
e certo son che non avrò giammai.

Pubblicità
Pubblicità